“Antichità d’Africa agli Uffizi”: il MAF e gli Uffizi in mostra al Museo del Bardo di Tunisi

Domenica 18 marzo è stata inaugurata al Museo del Bardo di Tunisi la mostra “Antichità d’Africa agli Uffizi”, che resterà visitabile fino al 30 settembre. La mostra è dedicata alle antichità romane provenienti dalla Tunisia e presenti da oltre tre secoli nelle collezioni degli Uffizi e nei depositi del MAF: ventiquattro pezzi – epigrafi e stele votive e funerarie, per lo più – che per duecento anni hanno fatto bella mostra di sé nella sala d’ingresso della galleria fiorentina, al tempo uniche testimonianze in Europa dell’Africa romana.

Museo Bardo Tunisi
Un’immagine del Museo del Bardo (fonte)

L’evento, a tre anni dall’attentato terroristico del 18 marzo 2015, rafforza i legami culturali tra Toscana e Tunisia, le cui radici sono secolari. La mostra, realizzata in collaborazione con l’Istituto Italiano locale di Cultura e la curatela degli Uffizi, è interamente finanziata dalla Regione e vuole essere un modo per contribuire alla ripresa del turismo culturale del paese.

Uffizi
(fonte)

La storia delle epigrafi inizia nel Seicento, quando il medico e archeologo pisano Giovanni Pagni si recò in Tunisia attratto dal fascino dell’antica città di Cartagine e lì rimase per un anno al servizio del Bey Murad II. Un viaggio avventuroso, in un luogo in quegli anni non facilmente accessibile, alla fine del quale il Bey Murad, riconoscente per la guarigione ottenuta grazie all’intervento del giovane medico e professore toscano, lo colmò di doni. Tra questi spiccava appunto una raccolta di oltre venti opere tra epigrafi, stele funerarie e stele votive di epoca imperiale romana, che entrarono a far parte della collezione del cardinal Leopoldo de’ Medici, passate alla morte di questo nelle collezioni degli Uffizi, dove furono incastonate negli stucchi di Giovanni Battista Foggini, il massimo esponente del Barocco fiorentino, nell’allestimento delle due stanze a T dette “Ricetto delle Iscrizioni“. Smantellato questo nel 1911, le iscrizioni furono trasferite al Museo Archeologico per essere unite alla già ampia collezione di epigrafia (sono ben 20 i pezzi che provengono dai nostri depositi). 

Museo Bardo_1
Giovanni Pagni nel quadro proveniente dall’Università di Pisa (fonte)

Nella mostra è riunita per la prima volta la quasi totalità dei reperti raccolti da Pagni da antiche località dell’Africa proconsolare. Fra queste spiccano una complessa e articolata dedica a Giulia Domna, moglie dell’imperatore Settimio Severo in cui si ricorda la località di Pagus Mercurialis, non altrimenti nota, e un grandioso frammento di architrave dell’antica Suas, che celebra la costruzione, sotto il regno di Marco Aurelio, di un tempio, di un arco e di un complesso di portici. A questi pezzi si aggiungono quattro rilievi punico-romani, provenienti da Cartagine e che raffigurano le massime divinità del Pantheon africano di età imperiale. Offerti in vendita allo Stato da una certa vedova Maddalena Bassano, furono acquistate nel 1873 da Francesco Gamurrini, direttore delle Regie Gallerie di Firenze, proprio per completare quella singolare collezione unica in Italia.

mostra-bardo-tunisi-firenze-01-300x203
L’iscrizione con dedica a Giulia Domna (fonte)

Nel percorso è inserito anche un ritratto di Giovanni Pagni, messo a disposizione dall’Università di Pisa.

 

 

Annunci