La Minerva di Arezzo torna (temporaneamente) ad Arezzo

La Minerva di Arezzo torna temporaneamente nella sua città d’origine. L’occasione è la mostra, organizzata dalla Fraternita dei Laici in collaborazione con il Comune di Arezzo, “Minervae Signum. Tesori di Arezzo“.

Primo piano della Minerva di Arezzo, con il gorgoneion ben evidente sull’egida

La Minerva di Arezzo è, insieme alla Chimera di Arezzo, uno dei Grandi Bronzi del MAF. Scoperta ad Arezzo nel 1541, fu subito acquisita nella collezione di Cosimo I de’ Medici che la volle nello Studiolo di Calliope in Palazzo Vecchio. La dea, di cui abbiamo già descritto l’aspetto e l’abbigliamento in questo post, è in bronzo cavo, realizzata nella tecnica della cera persa*, a grandezza minore del vero, e rappresentata nel suo ruolo di dea della sapienza e della guerra: con l’elmo sollevato sulla testa, l’egida col gorgoneion sul petto, il lungo chitone che le arriva fino ai piedi. In età romana adornava una stanza di una ricca domus di Arretium, come hanno potuto appurare scavi archeologici condotti sul luogo del ritrovamento, la chiesa di San Lorenzo.

La statua non fu rinvenuta integra. Nel XVIII secolo fu oggetto di un importante restauro a cura dello scultore Francesco Carradori. Un ulteriore restauro si è reso necessario invece pochi decenni fa, a cura del Centro di Restauro della Soprintendenza. E ha portato alla luce una storia incredibile, ovvero proprio la storia del restauro realizzato dal Carradori.

Restaurare un’opera d’arte, antica o moderna che sia, non è semplicemente un’azione di ripristino o di miglioramento delle condizioni dell’oggetto, ma è una vera e propria operazione di studio, volta a scoprire i materiali e le tecniche utilizzate, perché ogni segno e ogni traccia possono rivelare indicazioni utili per capire come procedere con il restauro vero e proprio.

La Minerva restaurata dal Carradori si reggeva in piedi grazie ad un palo di legno inserito all’interno della statua. Aveva alcune integrazioni, come il braccio destro e parte della veste. Fu proprio la necessità di sostituire il palo di legno, ormai consunto dopo tre secoli, a dare l’avvio al restauro.

Dettaglio del supporto di ferro cui il Carradori ancorò il braccio della Minerva

I restauratori scoprirono così che il Carradori non solo aveva integrato il braccio destro, ma ne aveva proprio inventato la posizione (portato in avanti verso il basso con la mano aperta): non esistono infatti confronti iconografici con altre raffigurazioni antiche della dea per giustificare questa posa; si trattò invece di una scelta deliberata dello scultore, il quale ritoccò anche la testa della Minerva, ponendola in una posizione che non era la sua originale: questi dettagli si sono potuti notare osservando precisamente i punti di giunzione delle varie parti del bronzo.

Si pose a questo punto per i restauratori un problema di metodo. La Minerva era ormai conosciuta in tutto il mondo, riportata su manuali e libri di arte, nell’immagine che le aveva dato il Carradori, col braccio sistemato arbitrariamente. Ma questa non era la statua “originaria” di età antica. Cosa fare? Lasciare la Minerva così come l’aveva sistemata il Carradori oppure riportarla allo stato originale?

Si decise, infine, di riportare la Minerva di Arezzo all’aspetto che aveva prima dell’intervento settecentesco. Si è tolto dunque il braccio, si è collocata la testa nella posizione “giusta”, così come indicavano i punti di giunzione del bronzo; si è sostituito il palo di legno con uno di acciaio, incorruttibile, e si è proceduto ad integrare le parti mancanti del panneggio della veste della dea non inventandone le pieghe come fece il Carradori ma, dopo aver fatto le opportune prove sperimentali, realizzando delle integrazioni in alluminio da applicare con calamite, in modo che questo restauro integrativo sia assolutamente reversibile.

Prima di tutto, però, si è realizzato un calco della Minerva del Carradori: non si poteva cancellare per sempre la traccia di un restauro storicizzato come era appunto quello settecentesco. La Minerva del Carradori è così esposta, al MAF, al ballatoio del I piano, in una sezione dedicata proprio al restauro. Qui le proponiamo accanto, in modo da poter apprezzare le differenze.

La Minerva di Arezzo e il calco tratto dalla Minerva prima del restauro

*tecnica della fusione a cera persa: onde evitare di realizzare statue di grandi dimensioni in bronzo pieno, troppo pesante e troppo costoso, i Greci studiarono una tecnica che consentiva di realizzare statue in bronzo cave all’interno. Si realizzava intanto un’anima di argilla, che veniva modellata nella foggia desiderata, si faceva poi una colatura di cera sulla superficie, dopodiché si copriva con un altro grosso strato di argilla. A questo punto veniva colato il bronzo fuso nello spazio occupato dalla cera la quale colava via (ecco perché cera persa). Spesso venivano realizzate separatamente le varie parti della statua e poi giuntate insieme alla fine.