Eracle, il più umano degli eroi

Quest’anno le “Notti dell’Archeologia”, a cui il MAF aderisce con le tre aperture straordinarie serali del mese di luglio sono intitolate a “Eroi e miti dell’antichità“, a cui di volta in volta sono dedicate diverse visite guidate. Anche qui vogliamo suggerirvi un percorso, sulle orme di quello che forse nel mondo antico è stato l’eroe per antonomasia, il più caro di tutti ai cuori degli uomini, con le sue fragilità e la sua grandissima forza: Eracle.

hercules-clip-art-Hercules-Phil1
Eracle nella versione Disney! (fonte)

Figlio della mortale Alcmena e di Zeus, che una notte si sostituì nel letto al marito di lei Anfitrione, fin da giovane Eracle dimostrò una forza e un coraggio straordinari, che gli valsero il compimento delle celebri dodici fatiche. Le imprese furono assegnate all’eroe da Euristeo per espiare l’uccisione della moglie da lui compiuta in un momento di follia, provocatagli dalla gelosissima Era, sempre avversa al palese frutto di uno dei tanti tradimenti del regale consorte. Tutta la vita di Eracle è parimenti costellata da azioni nobili e da deleterie intemperanze, dovute all’avversità della regina degli dei come al suo carattere così furioso e incontrollabile. Egli può contare solo su se stesso e sulla divina Atena, sua guida costante, che incarna accanto a lui l’astuzia che aiuta la forza, la saggezza che tempera l’ira: proprio per questo egli diventa prestissimo un modello da imitare per i mortali, il paradigma dell’uomo che, attraverso la successione di errori e prove, giunge ad una agognata ricompensa al termine della propria vita. I mostri che sconfigge sono il riflesso dei lati negativi del suo stesso carattere, e il premio per tanta costanza sono la giovinezza eterna e la riconciliazione con Era, che alla fine lo accoglie sull’Olimpo.

Eracle è sempre rappresentato ammantato con la pelle del Leone Nemeo (la leonté), da lui sconfitto nella prima delle “fatiche”, e armato di clava (fatta con un ramo di olivo, la pianta sacra ad Atena), di arco e frecce o di spada. Al MAF Eracle compare in numerose raffigurazioni, che ci guidano attraverso la storie della sua intricata mitologia.

 

imprese eracle
In senso orario: Eracle e Pholos, Eracle e il cinghiale di Erimanto, Eracle e la cerva Cerinite, Eracle col tripode delfico.

Su un’anfora del Pittore di Würzburg, datata 520-510 a.C., Eracle è ritratto insieme a Phólos: sulla sua strada verso l’Erimànto (in Acaia, Peloponneso), infatti, Eracle raggiunge l’antro di Phólos, un centauro che, pur non essendo saggio quanto Chirone, è comunque meno selvaggio dei suoi compagni e per questo conosce le regole dell’ospitalità. Al centauro Eracle chiede un po’ di vino e l’ospite è inizialmente incerto se scoperchiare il píthos dove conserva il nettare prelibato: ha infatti paura di risvegliare i ben noti istinti bestiali degli altri centauri. Phólos cede alle insistenze di Eracle ma i suoi timori si avverano: i centauri accorrono all’odore del vino e, nella lotta che ne consegue, Chirone, giunto a calmare gli animi, viene involontariamente ucciso da Eracle con una freccia.

sdr
I Cercopi appesi a testa in giù

Su un’anfora a figure nere proveniente da Chiusi datata al 510-500, Apollo ed Eracle si contendono un animale che alcuni identificano con la cerva cerinite, la cerva con le corna d’oro sacra ad Artemide che Eracle riuscì a catturare e portare, con il permesso della dea, ad Euristeo. Sull’altro lato della stessa anfora è il buffo episodio di Eracle e i Cercopi, che si inserisce in una serie di episodi nei quali il forzuto eroe è protagonista di eventi quasi farseschi: i malefici Cercopi sottraggono le armi al figlio di Zeus e ne vengono prontamente puniti; mentre sono appesi a testa in giù, si ricordano della madre che li aveva messi in guardia dallo straniero “dalle natiche pelose” e scoppiano in risate che alla fine inducono lo stesso Eracle a lasciarli liberi. È propro il sentimento di forte immedesimazione con un eroe che passa la vita a rimediare ai propri errori e che fa sì che di Eracle si dimentichi quasi l’ascendenza divina, rendendolo protagonista di situazioni irriverenti e buffonesche.

Su altri due vasi esposti al secondo piano del MAF è possibile riconoscere alcune delle fatiche di Eracle: sul cratere a colonnette di Mison (datato al 490-480 a.C.) troviamo l’eroe con il tripode delfico, oggetto di una contesa con Apollo. Vistosi rifiutare l’oracolo dalla Pizia, infatti, Eracle avrebbe provato a portare via dal santuario il tripode, lottando con il dio e restandone sconfitto. Su un’anfora a figure nere datata al 510-500 a.C. è invece il compimento della cattura del cinghiale di Erimanto, così feroce e pericoloso che Euristeo, quando Eracle glielo consegnò, si nascose in un píthos, un grosso vaso, per il terrore.

Eracle è una divinità greca che viene poi accolta e trova la sua collocazione anche nel mondo etrusco e romano. Gli Etruschi lo chiamano Hercle; il suo nome (“herc”) si trova sul  Fegato di Piacenza (II-I sec. a.C.) e le sue prime raffigurazioni lo vedono con arco e faretra o con la clava. Al MAF è rappresentato in diversi bronzetti, databili dall’età arcaica a quella ellenistica, sempre con la leonté e la clava sollevata in atto di colpire il bersaglio.

bronzetti etruschi ercole

Talvolta, Hercle viene raffigurato in situazioni per noi sconosciute, del tutto etrusche, che non trovano corrispettivo nel mondo greco, come nell’incisione su uno specchio da Volterra in cui l’eroe, adulto, è allattato da una dea che l’iscrizione identifica come Uni.

specchi_tavolette
Specchio etrusco con Hercle e Uni

La preponderanza­­­ delle immagini che mostrano l’eroe sulla via dell’immortalità e vicino agli dèi, rivelano chiaramente che in Etruria, come in Grecia, già nel VI sec. a.C. egli era considerato un semi-dio, per il fatto stesso di aver dovuto lottare per conquistare la propria immortalità, e che era probabilmente sentito più vicino agli uomini di altre divinità. Insomma, Hercle deve essere stato considerato dagli Etruschi un apportatore di prosperità e forza vitale: un Ercole molto vicino a quello romano.

ercole
Bronzetti romani di Ercole. In basso, l’Ercole seduto di tipo lisippeo

Tra i numerosi bronzetti di epoca romana conservati al MAF, citiamo in ultimo l’ercole seduto (epitrapézios); anche se pesantemente restaurata, la scultura ripropone un tipo derivato da un’opera di Lisippo, che mostrava l’eroe seduto, con la clava a riposo e nell’atto di sollevare una coppa di vino. Si tratta di Ercole che, giunto al termine delle sue avventure terrene e spossato, riflette sul senso delle imprese compiute. A questo punto lo attende soltanto l’ascensione all’Olimpo con le altre divinità.

Annunci

L’estate del MAF: aperture serali straordinarie

Per tutta l’estate, a partire da questa sera, il MAF prolungherà l’orario di apertura ogni martedì, restando aperto dalle 19,00 alle 22,00. Per ogni sera è in programma una visita guidata a tema, che sarà ripetuta più volte durante la serata e coinvolgerà vari settori del Museo puntando l’attenzione di volta in volta su elementi diversi delle collezioni, dai capolavori ai reperti meno noti e più curiosi. Durante le aperture serali sarà possibile anche la visita al giardino monumentale, con la ricostruzione delle tombe etrusche.

LOCANDINA piccolo
Clicca sull’immagine per scaricare il pdf del programma!

Nel mese di luglio le aperture saranno parte delle Notti dell’Archeologia, la manifestazione estiva che ogni anno coinvolge i musei della Toscana con eventi speciali accomunati da un unico tema. Quest’anno l’attenzione è puntata su “Eroi e miti dell’antichità“, e il MAF ha scelto di dedicare le tre serate di luglio alla scoperta degli eroi, delle eroine e dei mostri che dagli eroi sono stati combattuti e sconfitti.

Notti archeologia 2018 _ 685_195

Sul volgere della stagione, all’inizio di settembre, protagonista sarà invece la festa della Rificolona, una tradizione per la città di Firenze e soprattutto per il quartiere della Santissima Annunziata in cui il Museo sorge: sarà dunque per noi l’occasione di scoprire come gli Antichi rischiaravano il loro cammino e le loro case!

Vi aspettiamo dunque, a partire da questa sera, per scoprire ogni settimana un MAF diverso! Il biglietto di ingresso è, come al solito, di 4 euro; l’ultimo ingresso è alle 21,15.

Reperti “vecchi”, sale nuove!

Da ieri, venerdì 6 aprile, al secondo piano del MAF sono visitabili le nuove sale dedicate al Vaso François, al Sarcofago delle Amazzoni e ai Bronzetti greco-romani, recentemente riallestite grazie alla generosa donazione di Laura e Jack Winchester, liberalmente offerta al Museo Archeologico attraverso la Fondazione non profit Friends of Florence (allestimento stato curato dall’architetto Chiara Fornari e realizzato dalla ditta Machina s.r.l.).

dav
L’apparato didattico a corredo della sala

Il celebre Vaso François, capolavoro dell’arte vascolare greca, collocato in una nuova  nuova vetrina, è il fulcro di una nuova sala tutta nera, sulle cui pareti spiccano le riproduzioni (retroilluminate e in grande scala) del fregio principale con il matrimonio di Peleo e Teti. L’esposizione è corredata da un apparato didattico bilingue (in italiano e in inglese) e da due postazioni informatiche nelle quali i visitatori potranno agevolmente scorrere le immagini, approfondire i miti, le saghe e le storie degli antichi dei ed eroi della Grecia classica e della Guerra di Troia, scoprendo così quale fu il fascino che il Rex Vasorum (il Re dei Vasi) esercitò sugli aristocratici etruschi della potente città di Chiusi, che tra il 565 e il 550 a.C. lo acquistarono e lo posero in una grande tomba a sette camere.

PhotoGrid_1522961978940(1)
Le riproduzioni del fregio principale retroilluminate

Per la prima volta, inoltre, sono esposti accanto al grande cratere di Ergotimos e Kleitias due vasi figurati (della bottega del pittore Lydos) che solo recenti ricerche d’archivio hanno individuato come possibili elementi del corredo funerario di cui il Vaso François faceva parte. Uno di essi raffigura il Giudizio di Paride sulla bellezza delle tre dee Era, Atena e Afrodite, mito all’origine della Guerra di Troia, che quindi andrebbe a completare il ciclo mitologico della saga, integrandolo così con la parte iniziale della storia.

vetrine_vf
I vasi prodotti nella bottega del Pittore di Lydos e il cratere nella nuova vetrina

In occasione dell’inaugurazione è stata presentata anche la guida del Vaso François, curata dal direttore Mario Iozzo, dettagliata e ampiamente illustrata (pubblicata dalla casa editrice Polistampa), destinata al pubblico anche non specialistico, disponibile sia in italiano che in inglese grazie alla traduzione di Andrew J. Clark.

Layout 1
La guida edita da Polistampa

Il rinnovamento dell’apparato espositivo riguarda anche il Sarcofago delle Amazzoni, esempio unico al mondo di sepolcro di marmo dipinto (350 a.C.), destinato a una aristocratica dama di Tarquinia, nonna di un alto magistrato che l’ha onorata commissionando la splendida sepoltura. Ora protetto da un moderno dispositivo ad allarme sonoro, è stato anch’esso dotato di un nuovo apparato didascalico e didattico in doppia lingua, chiaro e comprensibile a tutti, che illustra le scene figurate e traduce le iscrizioni incise sulla sua superficie, spiegando anche il motivo per cui sono doppie. Anche in questo caso, due postazioni informatiche offrono ai visitatori la possibilità di scorrere le immagini e di avere approfondimenti (sia in italiano che in inglese) sulle raffigurazioni, la scoperta, lo stile, le pitture e i loro colori, le scene e i miti raffigurati.

PhotoGrid_1522961858233(1)
Il Sarcofago delle Amazzoni e l’apparato didattico della sala

Ai capolavori già esposti nella Sezione delle Collezioni, infine, si aggiunge negli splendidi ambienti realizzati all’epoca di Pietro Leopoldo di Toscana un’altra importante sezione, quella allestita da G. Carlotta Cianferoni e dedicata ai Bronzetti greco-romani. Tre ambienti e undici vetrine che accolgono 180 pregiatissime statuette di bronzo, sia originali greci che copie di età romana, un tempo parti della grande collezione mediceo-lorenese e in parte restaurate e integrate da artigiani e artisti della loro corte (tra i quali Benvenuto Cellini).

IMG_20180405_135558
L’ultima delle sale dedicate ai bronzetti

Ad esse si accompagnano ritratti di tragediografi, poeti e filosofi greci e parti di grandi statue in bronzo, nonché, a completamento dell’esposizione, statue in marmo e oreficerie che permettono un confronto tra quanto raffigurato su alcune opere in bronzo e gli oggetti reali.

sdr
Gli ori in mostra

Vi aspettiamo!

 

“Antichità d’Africa agli Uffizi”: il MAF e gli Uffizi in mostra al Museo del Bardo di Tunisi

Domenica 18 marzo è stata inaugurata al Museo del Bardo di Tunisi la mostra “Antichità d’Africa agli Uffizi”, che resterà visitabile fino al 30 settembre. La mostra è dedicata alle antichità romane provenienti dalla Tunisia e presenti da oltre tre secoli nelle collezioni degli Uffizi e nei depositi del MAF: ventiquattro pezzi – epigrafi e stele votive e funerarie, per lo più – che per duecento anni hanno fatto bella mostra di sé nella sala d’ingresso della galleria fiorentina, al tempo uniche testimonianze in Europa dell’Africa romana.

Museo Bardo Tunisi
Un’immagine del Museo del Bardo (fonte)

L’evento, a tre anni dall’attentato terroristico del 18 marzo 2015, rafforza i legami culturali tra Toscana e Tunisia, le cui radici sono secolari. La mostra, realizzata in collaborazione con l’Istituto Italiano locale di Cultura e la curatela degli Uffizi, è interamente finanziata dalla Regione e vuole essere un modo per contribuire alla ripresa del turismo culturale del paese.

Uffizi
(fonte)

La storia delle epigrafi inizia nel Seicento, quando il medico e archeologo pisano Giovanni Pagni si recò in Tunisia attratto dal fascino dell’antica città di Cartagine e lì rimase per un anno al servizio del Bey Murad II. Un viaggio avventuroso, in un luogo in quegli anni non facilmente accessibile, alla fine del quale il Bey Murad, riconoscente per la guarigione ottenuta grazie all’intervento del giovane medico e professore toscano, lo colmò di doni. Tra questi spiccava appunto una raccolta di oltre venti opere tra epigrafi, stele funerarie e stele votive di epoca imperiale romana, che entrarono a far parte della collezione del cardinal Leopoldo de’ Medici, passate alla morte di questo nelle collezioni degli Uffizi, dove furono incastonate negli stucchi di Giovanni Battista Foggini, il massimo esponente del Barocco fiorentino, nell’allestimento delle due stanze a T dette “Ricetto delle Iscrizioni“. Smantellato questo nel 1911, le iscrizioni furono trasferite al Museo Archeologico per essere unite alla già ampia collezione di epigrafia (sono ben 20 i pezzi che provengono dai nostri depositi). 

Museo Bardo_1
Giovanni Pagni nel quadro proveniente dall’Università di Pisa (fonte)

Nella mostra è riunita per la prima volta la quasi totalità dei reperti raccolti da Pagni da antiche località dell’Africa proconsolare. Fra queste spiccano una complessa e articolata dedica a Giulia Domna, moglie dell’imperatore Settimio Severo in cui si ricorda la località di Pagus Mercurialis, non altrimenti nota, e un grandioso frammento di architrave dell’antica Suas, che celebra la costruzione, sotto il regno di Marco Aurelio, di un tempio, di un arco e di un complesso di portici. A questi pezzi si aggiungono quattro rilievi punico-romani, provenienti da Cartagine e che raffigurano le massime divinità del Pantheon africano di età imperiale. Offerti in vendita allo Stato da una certa vedova Maddalena Bassano, furono acquistate nel 1873 da Francesco Gamurrini, direttore delle Regie Gallerie di Firenze, proprio per completare quella singolare collezione unica in Italia.

mostra-bardo-tunisi-firenze-01-300x203
L’iscrizione con dedica a Giulia Domna (fonte)

Nel percorso è inserito anche un ritratto di Giovanni Pagni, messo a disposizione dall’Università di Pisa.

 

 

F@Mu 2017: “La cultura abbatte i muri!”

All’inizio del mese di ottobre torna quello che oramai da cinque anni è un appuntamento fisso per il MAF: la Giornata Nazionale delle Famiglie al Museo. La giornata è prevista per l’8 ottobre, ma al MAF sarà anticipata, per ragioni dovute all’orario del museo, al sabato 7 ottobre.

GENOVA

Il tema scelto quest’anno come filo conduttore di tutte le attività che si terranno in tutti i musei sul territorio nazionale è “La cultura abbatte i muri“: in un momento in cui parlare di integrazione, accoglienza, condivisione è quanto mai attuale, il museo diventa luogo ideale in cui fare esperienza di questi valori e trasmetterli ai più piccini. Per un museo archeologico, poi, la scoperta delle proprie origini e dei popoli antichi mostra quanto gli interscambi e le influenze culturali siano profondamente radicati nella nostra storia.

Logo MD 2017 hd
Matì e Dadà, i personaggi simbolo di F@Mu, nel logo dell’edizione 2017

La metafora del muro da abbattere sarà presa alla lettera al MAF: i piccoli visitatori, giocando insieme e collaborando, abbatteranno i muri che li separano dalla scoperta delle opere del museo.

Al MAF sono previsti due laboratori, adatti per bambini dai 5 ai 10 anni: “La cultura abbatte i muri – memory gigante” e “La cultura abbatte i muri – scopri il personaggio nascosto“. Nel primo i bambini giocheranno a squadre per scoprire le tessere di un memory archeologico che si nasconde dietro le grandi pietre di un muro; nel secondo, un gioco a quiz, il muro sarà da demolire, mattone per mattone, a suon di risposte esatte.

Per garantire la partecipazione è obbligatoria la prenotazione, compilando online il modulo alla pagina MODULI (e scegliendo come attività la giornata F@Mu). Le prenotazioni saranno possibili soltanto a partire dal 2 ottobre. Una volta completata l’iscrizione vi sarà inviata una mail di conferma. Per informazioni (ma non prenotazioni) è sempre attivo il numero del Museo, 05523575.

Vi aspettiamo allora, e ricordate: al MAF la F@Mu si terrà eccezionalmente SABATO 7 OTTOBRE!!!!

Incontri al Museo 2017/2018: ecco il programma

Con l’autunno tornano gli Incontri al Museo Archeologico Nazionale di Firenze. Ormai da alcuni anni le conferenze gratuite del giovedì pomeriggio sono diventate un appuntamento fisso che richiama un pubblico sempre più folto ed eterogeneo di appassionati.

Ecco qui di seguito il programma delle conferenze, che si svolgeranno da ottobre a giugno, sempre di giovedì alle 17.00:

  • 5 ottobre 2017: Rosario Pintaudi, Gloria Rosati, Maria Cristina Guidotti (Unversità degli Studi di Firenze e MAF): Antinoe. Dagli scavi dell’Istituto Papirologico “G. Vitelli”
  • 19 ottobre 2017: Fr. Manolo Puppini (Priore della Basilica di Santa Maria Novella, Firenze): L’Arca di San Domenico in Bologna nel Rinascimento. Un esempio di riproposizione dell’arte antica riletta in chiave cristiana
  • 9 novembre 2017: Maria Gatto (Museo Archeologico Nazionale Gaio Cilnio Mecenate, Arezzo): Nuove scoperte sulla Chimera di Arezzo
  • 30 novembre 2017: Mario Iozzo (MAF): Iscrizioni nascoste sui vasi greci
  • 14 dicembre 2017: Marjatta Nielsen (Università degli Studi di Copenhagen): Tombe etrusche tra Firenze e Copenhagen. Riunificando contesti dispersi nell’Ottocento
  • 11 gennaio 2018: Anna Patera (Opificio delle Pietre Dure): Dall’opus sectile antico al commesso in pietre dure. Tradizione e perizia tecnica di un’arte raffinata
  • 1 febbraio 2018: Lucia Lepore (Università degli Studi di Firenze): Dei, demoni ed eroi della musica nella cultura figurativa dei Greci d’Occidente
  • 15 febbraio 2018: Sebastiano Soldi (MAF): Iconografia e archeologia del banchetto nel Vicino Oriente antico
  • 1 marzo 2018: Nicola Salvioli (Università degli Studi di Torino, Centro di Conservazione e Restauro di Venaria Reale): L’archeologia distrutta dall’iconoclastia: il caso di Lamassu di Nimrud
  • 22 marzo 2018: Stella Patitucci (Università degli Studi di Cassino): Monumenti cristiani della Turchia
  • 19 aprile 2018: Giovanni Uggeri (Università degli Studi La Sapienza di Roma): Camarina: problemi storici e archeologici
  • 17 maggio 2018: Chantal Gabrielli (Università degli Studi di Firenze): Le origini romane del nostro territorio: Florentia e Faesulae
  • 14 giugno 2018: Riccardo Gennaioli (Storico dell’Arte): “Un tesoro di gemme preziose incise dai più illustri maestri”. La collezione granducale di cammei e intagli del Museo Archeologico di Firenze

Per scaricare il file pdf con il programma delle conferenze clicca qui

In caso di variazioni al programma, queste verranno comunicate volta per volta sulla pagina facebook del Museo: seguiteci, per restare aggiornati

“Le Stelle del MAF”: aperture straordinarie serali il mercoledì

Dal 26 luglio fino al 27 settembre il mercoledì sera il Museo Archeologico Nazionale di Firenze amplia l’orario di apertura fino alle ore 22 (ultimo ingresso ore 21.15). Con la sola interruzione di mercoledì 16 agosto, tutti i mercoledì fino a fine settembre sarà possibile visitare il museo fino alle 22 con biglietto ridotto di 2 € e con la possibilità di prendere parte alle visite guidate tematiche che di volta in volta sveleranno aspetti sempre diversi del museo, delle sue opere, delle sue collezioni e della sua storia. “Le Stelle del MAF” vogliono diventare un appuntamento fisso dell’estate fiorentina, dedicato a quanti vogliono approfondire la conoscenza del museo e, attraverso di essa, anche la conoscenza di Firenze.

La Sala VIII della sezione egizia del Museo

Nel calendario che segue sono indicate le date e i temi intorno ai quali ruoteranno le visite guidate:

26 luglio: Il viaggio

2 agosto: Angeli e demoni… nell’antichità

9 agosto: Giardino in poesia

23 agosto: Chi bella vuole apparire… Segreti di bellezza femminile nell’antichità

30 agosto: Di manti e di veli. La moda e i tessuti

6 settembre: … In corpore sano. Lo sport e la caccia

13 settembre: Chi bello vuole apparire… la bellezza maschile nell’antichità

20 settembre: Viaggio nell’antichità… a luci rosse

27 settembre: Animali fantastici e dove trovarli… al MAF!

 

A queste serate va aggiunta, il 7 settembre, l’apertura speciale per la Rificolona. In quella serata il titolo della visita guidata sarà “La principessa nascosta. L’affascinante storia del Palazzo della Crocetta e dei suoi committenti“: la storia di Maria Maddalena de’ Medici, che abitò dal 1620 il Palazzo e per la quale fu costruito il Corridoio Mediceo che collega il Palazzo della Crocetta con la chiesa della SS. Annunziata.

Sui nostri canali facebook (Museo archeologico nazionale di Firenze) e twitter (@MAF_Firenze) vi informeremo puntualmente sulle serate e su eventuali variazioni.

Vi aspettiamo tutti i mercoledì sera al museo!