Il restauro della Testa di Cavallo Medici-Riccardi al Salone del Restauro di Firenze

Nell’ambito del Salone del Restauro di Firenze, il direttore del MAF Mario Iozzo e il restauratore Nicola Salvioli presenteranno il restauro della Testa di Cavallo Medici-Riccardi, condotto nel 2015 grazie al contributo di Friends of Florence.

Il restauro della scultura è stato infatti reso possibile grazie al Premio Friends of Florence. L’11 novembre al Salone del Restauro di Firenze un convegno sarà proprio dedicato a tutti i restauri di opere d’arte promossi da Friends of Florence. In particolare la conferenza dedicata alla testa di cavallo Medici-Riccardi si svolgerà dalle 14 alle 14.45 presso la Sala Edwards.

La testa di cavallo Medici-Riccardi sul banco del restauratore al Museo Archeologico Nazionale di Firenze

La testa di cavallo Medici-Riccardi sul banco del restauratore al Museo Archeologico Nazionale di Firenze

Il restauro si era svolto all’interno del museo sotto gli occhi dei visitatori: un cantiere aperto, in modo che tutti potessero assistere alle operazioni di pulitura della superficie del bronzo, il materiale di cui è costituita la statua. Già all’epoca vi avevamo raccontato dei risultati del restauro, che furono presentati pubblicamente prima che la scultura fosse esposta in mostra a Palazzo Strozzi in occasione di Potere e Pathos, mostra che fu realizzata in grande collaborazione col nostro museo.

La Testa di Cavallo Medici-Riccardi è parte di una scultura equestre originale greca in bronzo del IV secolo a.C. Utilizzata come bocca di fontana dal Quattrocento nel giardino di Palazzo Medici-Riccardi e appartenente alla collezione di antichità dei Medici, la testa ha rivelato, nel corso del restauro, interessanti tracce di dorature, che mostrano come la statua fosse stata dorata fin dall’inizio. La testa era parte di un gruppo scultoreo costituito dal cavallo, giovane, nervoso come rivelano le narici dilatate, e dal suo cavaliere, che ne trattiene l’impeto tirandolo verso destra: così sembra rivelare l’impostazione stessa della testa, che oggi, dopo il restauro, è stata privata della sua base seicentesca, che ne regolarizzava i bordi e le dava eleganza e simmetria, ed è tornata alla sua posizione originaria.

La Testa di Cavallo Medici-Riccardi dopo il restauro

La Testa di Cavallo Medici-Riccardi dopo il restauro

La testa di cavallo Medici-Riccardi, oggi esposta al secondo piano del Museo, nella sezione dedicata alle “Antiche Collezioni” e all’arte greca, nel Rinascimento costituì da modello per le sculture equestri di Donatello, prima tra tutte la Protome Carafa (oggi al Museo Archeologico Nazionale di Napoli). È un’opera d’arte antica importante dunque sia per la sua eccezionalità (sono pochi gli originali di sculture in bronzo di arte greca giunti fino a noi) che per la sua influenza sullo sviluppo dell’arte rinascimentale. Il restauro ha permesso di approfondire, e in parte di riscrivere, la storia di questo capolavoro dell’arte antica.

Annunci

2 thoughts on “Il restauro della Testa di Cavallo Medici-Riccardi al Salone del Restauro di Firenze

  1. Cmplimenti per l’attività del Museo, che ,pur nella scarsa attenzione dei governi, ha sempre svolto un’opera di conservazione e di educazione

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...