Il giardino della Crocetta e la Mostra dei Fiori

Nell’ultima settimana di aprile la città di Firenze è tradizionalmente sede della Mostra Primaverile di Piante e Fiori promossa dalla Società Toscana di Orticultura, una manifestazione che ha la sua origine già alla metà del XIX secolo.

orticultura

Un evento apparentemente slegato dal Museo Archeologico, ma intimamente connesso con il Palazzo della Crocetta e il suo giardino. Ancora prima che i vialetti di ghiaia e le sale dell’edificio divenissero la dimora di tombe e corredi etruschi, infatti, il Giardino Ameno costituiva semplicemente uno dei tanti giardini delle ville cittadine che venivano utilizzati per le esposizioni annuali di piante e fiori.

Il giardino all'inizio del Novecento, quando ancora mancava la parte del Museo Topografico e gli arconi di sostegno del Corridoio Mediceo erano visibili dall'esterno

Il giardino all’inizio del Novecento, quando ancora mancava la parte del Museo Topografico e gli arconi di sostegno del Corridoio Mediceo erano visibili dall’esterno

In particolare ebbe luogo nel giardino del museo la mostra tenuta dal 23 al 26 settembre 1852: articolata in tre sezioni, di Piante e fiori, Frutta e ortaggi e Mobili, istrumenti ed altri oggetti di giardinaggio, raccoglieva le esposizioni di diversi giardini storici e granducali, come Boboli, La Petraia, Castello, Poggio a Caiano e il Giardino dei Semplici. Si trattava della prima mostra dei Fiori.

Il giardino quando ancora ospitava alberi da frutto al posto delle tombe etrusche

Il giardino quando ancora ospitava alberi da frutto

Tra gli espositori erano poi appassionati esponenti di nobili famiglie fiorentine ma anche produttori e titolari di stabilimenti orticoli. Dai cataloghi originali si può ricavare la grandissima varietà di piante conosciute e coltivate nei giardini dell’epoca, di molto superiori a quelle presenti oggi. La mostra della Crocetta fu una sorta di banco di prova per decidere la possibilità di fondare la Società Toscana di Orticultura, e il suo successo fece sì che la Società vedesse la luce due anni dopo.

Le azalee che ancora oggi adornano il giardino al massimo della loro fioritura

Le azalee che ancora oggi adornano il giardino al massimo della loro fioritura

Nel 1860 la mostra fu nuovamente ospitata  dal Giardino del MAF, e il successo crescente delle edizioni successive consentì poi alla Società l’acquisto di un terreno (l’attuale giardino dell’orticoltura) con duplice funzione di orto sperimentale e sede delle esposizioni, che dal 2000 sono tornate stabilmente ad esservi allestite.

Il tasso centenario del MAF, che sicuramente ha "partecipato" anche alla mostra del 1852!

Il tasso centenario del MAF, che sicuramente ha “partecipato” anche alla Mostra del 1852!

Nell’edizione di questa primavera un pannello richiama l’edizione della mostra del 1860, la seconda nel Giardino della Crocetta; un sottile filo rosso che collega i luoghi e le strutture della città, ancora oggi vivi e restituiti al grande pubblico in occasioni ed eventi particolari.

Il manifesto della mostra del 1860 (foto A. Pirali)

Il manifesto della mostra del 1860 (foto A. Pirali)

Se il giardino oggi non apre più i cancelli agli espositori di piante, disvela comunque le sue fioriture e i suoi segreti (non solo archeologici) ai visitatori in occasione delle visite olfattive, di concerti e inaugurazioni. E dal momento che questi eventi hanno luogo prevalentemente in estate… stay tuned! 😉

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...