Firenze, Museo Archeologico Nazionale: San Valentino al museo

In occasione di San Valentino, festa degli innamorati, vi suggeriamo un itinerario, tra i tanti possibili all’interno del museo Archeologico Nazionale di Firenze, che focalizzi l’attenzione sui reperti che in qualche modo parlano d’amore. Buona visita dunque, virtuale o reale che essa sia!

Il nostro percorso ideale prende il via al piano terreno, negli spazi tra il Salone del Nicchio, che ospita la mostra “Cortona. L’alba dei principi etruschi” e quelli dell’ex museo topografico, dove è ancora allestita la mostra “Signori di Maremma”. È proprio qui che si trova un altare funerario romano, concepito per conservare i resti terreni di due coniugi ed allo stesso tempo accogliere le offerte e le preghiere a loro rivolte. Sulla sommità dell’altare sono infatti due cavità funzionali all’inserimento delle due urne cinerarie, mentre sulla faccia principale è rappresentato il momento saliente della cerimonia matrimoniale. I due sposi sono colti infatti nell’atto della dextrarum iunctio, la giunzione delle mani destre, il gesto che sanciva l’unione della coppia maritale. Dei coniugi conosciamo il nome, iscritto nella parte anteriore dell’altare: Vinicius Corinthus e Vinicia. Tra i due personaggi è una iscrizione che riporta anche i nomi di Vinicia Glaphyra e di suo figlio Vinicius Castus, che indica che il monumento, originario dell’età augustea, fu riutilizzato in epoca successiva.

altare_funerario

Altare funerario romano. Nei dettagli le cavità per le urne, le iscrizioni, la dextrarum iunctio

Al termine del lungo corridoio del piano terreno, subito dopo la fine della mostra, si trova sulla sinistra una vetrina dedicata all’infanzia: all’interno sono raccolti giochi e rappresentazioni di fanciulli, alcuni dei quali alati. Si tratta di amorini, rappresentazioni del dio greco Eros (Amor per i Romani) in forme infantili, a simboleggiarne la tenerezza ed allo stesso tempo la capricciosità. La rappresentazione del dio fanciullo, tipica dell’età ellenistica, lo vuole ritratto intento a maneggiare le sue armi, arco e frecce, a suonare il flauto oppure languidamente addormentato.

amorini

Amorini in bronzo

Al primo piano del museo, nella sala III della sezione egizia, davanti al carro, si incontra invece una curiosa rappresentazione di un uomo seduto affiancato da due donne. Si tratta dello scriba Huemascia, che abbraccia la moglie Baket (il nome è iscritto sulla tunica), vissuto durante la XVIII dinastia (XVI-XIV sec. a.C.). Stranamente, la moglie è rappresentata due volte, a destra e a sinistra del marito, forse per simmetria nella composizione della scultura. Sul retro sono invece rappresentati i nove figli della coppia, ciascuno con l’indicazione del proprio nome.

IMG_20140123_140320

Ritratto dello scriba Huemascia e della moglie Baket, XVI-XIV sec. a.C.

Salendo al secondo piano del museo, all’inizio del corridoio centrale, si incontra, accanto al ritratto di Treboniano Gallo, quello di Antinoo. Amasio dell’imperatore Adriano, vissuto nella prima metà del II sec. d.C., Antinoo era un giovane originario della Bitinia che si unì al seguito dell’imperatore e lo accompagnò sempre nei suoi viaggi, fino all’ultimo, tragico, in Egitto, durante il quale morì annegato nel Nilo. L’imperatore in sua memoria eresse una città, Antinoe, lo divinizzò e gli dedicò statue in tutto l’Impero.

20140125_115419_1

Ritratto di Antinoo, 130-134 d.C. o ritratto all’antica

L’itinerario si conclude con le raffigurazioni dei miti greci sulla ceramica attica. Nella sala XII troviamo uno dei capolavori ospitati dal Museo, il Vaso Fraçois. Sul corpo del vaso si dispiega una vera e propria antologia illustrata del mito greco: sulla spalla troviamo anche la rappresentazione di un famosissimo matrimonio, cui fece seguito un avvincente intreccio di amori e tradimenti alle origini nientemeno che della guerra di Troia. Si tratta del matrimonio di Peleo e Teti, i genitori di Achille. Gli sposi sono rappresentati lui davanti a casa, nell’atto di salutare gli invitati che portano doni, e lei seduta all’interno dell’abitazione (si conserva soltanto la parte inferiore del corpo).

PELEO_TETI

Peleo e Teti sulla spalla del vaso François

Alla festa di nozze per Peleo e Teti, cui parteciparono tutti gli dei,  non fu invitata Eris, dea della discordia, che per vendicarsi offrì “alla più bella” tra le dee un pomo d’oro. A dirimere la contesa immediatamente sorta tra Afrodite, Atena ed Era su chi meritasse il pomo fu chiamato il principe troiano Paride, che come ricompensa per aver scelto Afrodite ricevette l’amore della bella Elena, moglie del greco Menelao. Ed è proprio il giudizio di Paride che troviamo raffigurato su un’anfora della sala XIII: le tre dee, sulla sinistra della scena, attendono al cospetto di Hermes il responso del principe, all’estrema destra.

Anfore attiche. A sin. il giudizio di Paride, 510 circa a.C.; a des. Elena e Menelao, 520-510 a.C. circa

Anfore attiche. A sin. il giudizio di Paride, 510 circa a.C.; a des. Elena e Menelao, 520 a.C. circa

Il rapimento di Elena da parte di Paride causò l’ira dei Greci, che mossero guerra alla città di Troia. Al termine dei dieci lunghi anni di conflitto Menelao riuscì a ricondurre a casa la moglie traditrice, come raffigurato sull’anfora posizionata accanto alla precedente.

Il pdf dell’articolo è scaricabile cliccando sull’icona sottostante… vi aspettiamo, allora, per festeggiare S. Valentino al Museo!

Schermata_s.valentino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...