Firenze, Museo Archeologico Nazionale: sulle tracce dei leoni del museo

La enorme ricchezza delle collezioni del Museo Archeologico Nazionale di Firenze consente, a chi le visiti la prima volta come a chi vi faccia ritorno, di avventurarsi attraverso molteplici itinerari. L’itinerario -virtuale- qui proposto focalizza l’attenzione sulle sculture rappresentanti leoni, di cui il Museo può vantare ben quattro esemplari.

leonii_maf

Il primo in cui il visitatore si imbatte, al piano terreno del Museo, è il leone funerario proveniente dalla necropoli di Valvidone, presso Bolsena. La maestosa scultura in pietra, databile nel corso del IV sec. a.C., rappresenta l’animale ruggente, con le fauci spalancate e una folta criniera a fiammelle. Posto su un alto basamento circolare, il felino aveva la funzione di difendere la tomba ed il suo contenuto da eventuali predatori e malintenzionati.

Leone funerario da Valvidone

Leone funerario da Valvidone

Un altro leone etrusco, dalla analoga funzione, è quello realizzato in nenfro, un tufo scuro caratteristico della zona di Tuscania da cui la scultura proviene, che si trova nella sala X al primo piano del Museo. Il leone, accucciato sulle zampe posteriori e con una grande bocca spalancata, in questo caso è alato: una connotazione fantastica che lo identifica immediatamente come essere appartenente alla sfera ultramondana. La scultura è più antica della precedente e si data al VI sec. a.C.

IMG_20130918_174212

Leone funerario alato da Tuscania

Sempre al primo piano, nella sala XIV, si trova poi il più famoso dei leoni del MAF: la Chimera. Mostro a tre teste, insieme serpente, capra e leone, capace di sputare fuoco dalle fauci, la Chimera è generalmente rappresentata come un leone con una testa di capra che spunta dal dorso e coda a forma di serpente. Il famoso bronzo di Arezzo, originariamente un dono votivo per il dio Tinia, rappresenta l’animale in posizione di difesa, già ferito dalle armi di Perseo, l’eroe greco che ne decreterà la morte. Come il leone di Valvidone, anche la Chimera si data al IV sec. a.C.

La Chimera di Arezzo

La Chimera di Arezzo

Infine, nella sezione greca collocata al secondo piano del museo, si incontra l’ultimo leone. Di nuovo una scultura funeraria, ma di provenienza greca stavolta, ed in marmo. Noto fin dal Cinquecento e approdato al Museo nel 1880/81, anche questo leone in origine doveva proteggere un sepolcro. La sua posizione doveva essere leggermente diversa rispetto a quella conferitagli dal supporto moderno, facendo apparire l’animale pronto allo scatto verso ogni eventuale aggressore. L’opera, databile al V sec. a.C., è uno dei pochissimi originali greci presenti sul nostro territorio.

Leone Corsini

Leone Corsini

Non stupisce che gli antichi mettessero proprio un leone a guardia dei defunti; simbolo di grande forza fisica e coraggio, questo animale era diffuso in Europa e nel Vicino Oriente ancora durante il primo millennio a.C. Ne parlano gli autori greci e la caccia al leone era una prerogativa dei grandi sovrani (basti pensare ad Alessandro Magno), che dimostravano in questa attività tutto il loro valore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...